Assisi

Firenze

Ischia

Italia

 

Napoli

Palermo

 

Perugia

Pompei

 

Procida

Puglia

 

Ravenna

Roma

 

Sicilia

Siena

 

Spoleto

Venezia

 

La lingua italiana

 

L'Italia nella descrizione di scrittori russi del XX secolo


L'Italia e' sempre stata un mito per i Russi, per ragioni molteplici, di carattere geografico, storico e culturale.

Ha rappresentato da sempre, attraverso la tradizione bizantina, la terra dell'antica Roma, e poi la Roma dei Papi e ancora il luogo di quella grande manifestazione di arte e di genio che fu il Rinascimento.

Ce n'era abbastanza perche' rientrasse negli interessi di Pietro il Grande, nel suo viaggio in Europa alla fine del XVII secolo, teso a varare il programma di ammodernamento e occidentalizzazione della Russia.

Simbolicamente quel viaggio e, piu' in generale, gli avvenimenti del XVIII secolo segnano una svolta nella conoscenza che i Russi ebbero dell'Italia, che da mitica ed episodica si fece storica e ben piu' concreta di quella che in precedenza era derivata dai resoconti degli sporadici viaggi di qualche pellegrino e diplomatico.

D'altro canto gli Italiani, come mercanti e diplomatici, avevano frequentato la Russia sin dal XIII secolo, e poi sempre piu' nei secoli successivi, ma cio' non aveva dato luogo a una conoscenza compiuta di quel Paese da parte della cultura italiana, lacuna che si e' protratta sino a tempi abbastanza recenti. E ancora oggi si ha ragione di credere che la conoscenza dell'Italia da parte dei Russi sia maggiore di quanto gli Italiani conoscano della Russia.

Lo sviluppo di una reciproca conoscenza segna comunque una svolta cruciale a seguito della politica di Pietro il Grande e con la formazione, che in quel secolo avvenne, di una letteratura nazionale russa.

La letteratura, nella sua struttura complessiva di varie forme del narrare, svolge un ruolo fondamentale in questo processo e si rivela formidabile strumento di comunicazione tra popoli diversi.

D'altra parte, se e' vero che la storia generale e' la sintesi significativa di tanti episodi particolari, ecco allora che la narrazione dei viaggi e delle esperienze di singoli scrittori diventano un tassello di quel grande puzzle che e' la storia dell'umanita'.

Di qui l'idea di proporre testimonianze di scrittori che hanno contribuito a questo percorso con una modalita' che stuzzichi la curiosita' e il piacere di leggere, con quel gusto delle piccole scoperte da cui poi ripartire verso altre mete di un lungo viaggio: letterario, di vita…

Siamo partiti dalle testimonianze di scrittori a noi piu' vicini nel tempo, in grado forse di parlarci piu' direttamente: ed ecco allora Brodskij e Achmatova, Sklovskij, Pasternak e Blok e tanti altri a parlarci della Sicilia e della Puglia, di Venezia e di Firenze, di Roma e di Napoli…

Amplieremo la ricerca, offrendo altri "medaglioni" importanti e belli da leggere, se la proposta avra' trovato gradimento.

Ruggiero Mascolo, 5/2005

Anna Achmatova

Andrey Belyi

Aleksandr Blok

 

Josif Brodskij

Valerij Brjusov

Georgij Eristov

 

Michail Kuzmin

Osip Mandel'stam

Sergej Makovskij

 

Dmitrij Merezkovskij

 

Nikolaj Ocup

Boris Pasternak

 

Konstantin Paustovskij

 

Viktor Sklovskij

Vasilij Sumbatov

 

Andrei Voznesenskij

 

Vasilij Jakovlev


Informazioni | Interessante | Cultura e sport russi | Foto album | Viaggi | Feste in Russia | FAQ | Su di me e su di voi | Diario italiano | Guest Book

Ritorna a "Amoit Home Page"

Copyright © 2004-2017 Amoit