Brjusov Valerij Jakovlevic, 1873-1924

Brjusov Valerij Jakovlevic nacque a Mosca nel 1873.
Fu persona molto attiva nella vita culturale del suo tempo, grande organizzatore e
maitre a' penser.
Per primo, quando era ancor giovane, introdusse in Russia i canoni del decadentismo e del simbolismo, divenendone indiscusso maestro.
La sua produzione piu' significativa e' quella in versi (
Tristia vigilia, 1900, Urbi et Orbi, 1903, Stephanus, 1906) dai quali, in stile solenne e spesso retorico, emerge una poetica fondata sul destino dell'uomo, sull'erotismo, l'esotico, il ritmo frenetico della vita moderna.
Ma fu anche apprezzato autore di romanzi (
L'angelo di fuoco, 1908, L'altare della vittoria, 1913) e di novelle (L'asse terrestre, 1907, Notte e giorno, 1913), nonche' critico letterario e teatrale (Prossimi e remoti, 1911).
Aderi' al Partito bolscevico ricoprendo cariche di rilievo presso importanti istituzioni culturali.
Viaggio' molto nell'Europa occidentale e fu due volte in Italia, all'inizio del secolo e nel 1908.
La sua visione dell'Italia e' decadente e simbolista, ricca di elementi libreschi e un po' retorica.

Ruggiero Mascolo, 5/2005

Italia

Paese, estenuato dalla passionalita' del destino!
Amante di tutti i secoli fatali!
I popoli ti onorano, come schiavi,
e gli imperatori, come fanciulli.
Dal trono dei cesari tu giudicasti imperiosamente il mondo
e un piu' grande mondo dal Vaticano.
Il tuo passato potere e' un titolo abbattuto,
ma l'umanita e' ebbra del tuo passato.
I tuoi artisti sull'instabilita' delle tele
impressero sogni che non avranno mai uguali!
Essi son porte aperte alle fonti
per tutti coloro che languono di una sete inestinguibile!
Su tutte le vie dell'anima hai steso lo scettro,
come segno di dominio e le genti furono felici,
prosternate ai maestosi lombi,
di baciare l'orlo dei manti, di afferrar parole e sguardi.

Italia! Consacrata imperatrice!
Dove sono il tuo scettro, la corona d'alloro?
E' spezzato il tuo cocchio d'oro,
aperti son gli accessi alla tua corte.
Italia! Sventurata meretrice,
ecco dove sei arrivata, alla fine!
Nei brandelli del manto, in un vestito invecchiato,
la superba bocca arrogantemente storta da un sorriso,
sei uscita a mercanteggiare il tuo bel corpo
e nel tuo talamo s'entra per danaro.
Noi tutti osiam goder delle carezze una volta sacre!
Tutti possiamo vederti nella tua nudita'!
Come donna, sei diventata accessibile a tutti,
e ci vergogniamo di riconoscerti nella fantasia!

Ma sei ancora bella, o Italia!
Sotto il colore preso in prestito del rossetto,
e con una timida sfrontatezza nello sguardo.
Piu' bella di tutti i paesi non umiliati
adulati devotamente dal mare prigioniero.
Nelle lagune ancora si riflettono
i palazzi dell'esaltata Venezia,
unica citta' di sogno,
e superbi palazzi si innalzano
nella severa e tenera Firenze,
dove fu creato il sogno della bellezza.
E Roma, incantatrice senza eguali,
terribile nella sua grandezza,
giace non viva, ma misteriosa
nei ferri di un magico sogno.
Boschetti imperituri di limoni
fioriscon sotto un cielo inverosimile.
I monti son reclute in fiori bianchi!
Le acque, ebbre di se stesse,
illuminando grotte trasparenti,
parlano e vivono!
Sei bella, o Italia,
dalle Alpi rocciose alla chiara Capri
e oltre,
fino ai deserti della una volta ricca Sicilia,
dove lo scirocco, stanco e sempre piu' debole,
distrugge gli alti gigli,
i fiori di sant'Antonio,
sei bella, o Italia,
come l'armonia nota al cuore!

Sono venuto a te stanco,
perduta la recente strada,
inquieto, in ritardo,
apertamente nell'umidita' delle erbe.
Anche vagabondi per caso
hanno trovato pace nella tua corte…
O come teneramente queste dita
si son posate sul mio volto!
Come il corpo stretto in se stesso
e' odoroso e fresco!
Sia pure finzione, che importa!
Sia pure inganno - io mi sento cosi' bene!
In questa momentanea tenerezza
forse e' riversata in segreto,
sincera e pura
la carezza della madre universale.

Valerij Brjusov, Urbi et Orbi, 1902. In : Ettore Lo Gatto, Russi in Italia. Roma, Editori Riuniti, 1971.


Informazioni | Interessante | Cultura e sport russi | Foto album | Viaggi | Feste in Russia | FAQ | Su di me e su di voi | Diario italiano | Guest Book

Ritorna a "Amoit Home Page"

Copyright © 2004-2021 Amoit