Ocup Nikolaj Andreevic, (1894 - 1958)

Ocup Nikolaj Andreevic (1894 - 1958) studio' a Pietroburgo e poi alla Sorbona di Parigi. Fu discepolo di Gumilev e membro della Gilda dei poeti.
La sua prima pubblicazione di versi, La citta', risale al 1921.
Nel 1922 emigro' a Berlino e poi a Parigi dove pubblico' i volumi di poesia Nel fumo (1926) e Incontro (1928).
In prosa, nel 1939, pubblico' Beatrice all'inferno, documento del suo amore per Dante.
Durante la Seconda Guerra Mondiale, in Italia, dopo essere stato catturato come antifascista, fuggi' e combatte' nelle file della Resistenza.
Pubblico' anche un voluminoso
Diario in versi 1935-1950, il dramma biblico Tre re (1958) e importanti pagine critiche su scrittori russi.
I versi migliori di Ocup colpiscono per essenzialita' e lirismo.

Ruggiero Mascolo, 5/2005

Napoli

La canzone di Napoli risuona;
il faro ha lampeggiato ed e' scomparso.
La passione di Tristano e Isotta
non rattrista un tal cielo.
Nelle strade selciate con la lava,
ragliano gli asinelli diligenti,
su pei muri s'arrampica la vite
e vi sembran trastulli
il pennacchio di fumo del Vesuvio
e l'angolino qui nella taverna.
Ecco, hanno spinto il tavolo e afferrati,
come su un palcoscenico, i coltelli,
il morto han ricoperto col mantello
e Rosinella piange.

Col pesante merletto del balcone
e' ornata ogni finestra,
nelle stradette gobbe e' tutto buio.
Sempre piu' strana suona la canzone
ed il mare risponde
infrangendosi all'elegante riva.
La trasparenza azzurra
e di Capri il profilo all'orizzonte
son come la canzone, perche' dunque
mi penetra un tremore?
No, l'anima di nulla si rallegra -
Le rive rilucenti ed il leggero
arco del cielo son qui schiacciati
dalle Porte infernali.
Sento come urla il fuoco: debolmente
rischiarato, il Vesuvio e', si capisce,
solamente il cratere
di quella incandescente irreparabile
eterna morte. Come con l'inchiostro
la notte avvolge gli edifici sordi,
e s'udranno suonar solo i singhiozzi
delle anime in eterno condannate…

Nikolaj Ocup, Zizn i smert. Stichi, I, Parigi, senza editore,1961. In: Ettore Lo Gatto, Russi in Italia. Milano, Editori Riuniti, 1971.


Informazioni | Interessante | Cultura e sport russi | Foto album | Viaggi | Feste in Russia | FAQ | Su di me e su di voi | Diario italiano | Guest Book

Ritorna a "Amoit Home Page"

Copyright © 2004-2021 Amoit