Konstantin Batijuskov (1787-1855)

  Il distacco

 

Un ussaro, alla spada appoggiato,

profondamente afflitto stava;

alla sua bella, prima d’un lungo distacco,

sospirando, disse così:

 

“Bellezza mia, non piangere! Le lagrime

un acerbo dolor non leniscono!

Sul mio onore ti giuro e sui miei baffi,

l’amor non tradirò!

 

Dell’amore è invincibile la forza!

Esso è in guerra il mio scudo fidato;

in mano la spada, Lila nel cuore,

che mai ho da temer?

 

Bellezza mia, non piangere! Le lagrime

un acerbo dolor non leniscono!

Ma se ti tradirò…sui baffi miei

ti giuro, essere punito bramo!

 

S’impunti allora il mio destriero fido,

sfrecciando contro l’avverso campo,

si tronchi la briglia arabescata

e sotto il piede mio la staffa!

 

Possa la spada, di slancio impugnata

spezzarsi come una canna marcia,

ed io, di terror tutto sbiancato,

dinanzi a te comparirò!”

 

Ma il fido destrier non s’impuntava

Sotto il nostro cavaliere ardito;

nelle tenzoni non si spezzava il brando,

né l’onore dell’ussaro con lui!

 

Ma egli scordò le lagrime e l’amore

della sua pastorella cara

e rose di piacere colse altrove

con un’altra bella.

 

Ma la pastorella, intanto, che fece?

Ad un altro il cuore suo donò.

Un gioco è l’amore per le belle,

ed i lor giuramenti – sol parole.

 

Tutto qui, amici! Tradimento spira,

fedeltà non se ne trova proprio più!

Amor ridendo, sull’acqua ogni promessa

col suo dardo scrive.

 

               ( trad. di A. Pasquinelli)


Informazioni | Interessante | Cultura e sport russi | Foto album | Viaggi | Feste in Russia | FAQ | Su di me e su di voi | Diario italiano | Guest Book

Ritorna a "Amoit Home Page"

Copyright © 2004-2023 Amoit